martedì 2 febbraio 2016

Anima Grigia, Perchè no?



La mia storia “Anima Grigia 2.0” che racconta di una città dolente, che si trucca da diva ma è divorata nell'intimo dalle proprie contraddizioni, è giunta al giro di boa.

Non sapevo se avrebbe funzionato invece lei, la storia, si è emancipata, anzi è ormai fin troppo compressa nel suo circolo di affezionati lettori,  partecipi ma vicini.

Questa sorprendente commedia ha ormai bisogno di uscire, di rendersi virale e mettere a frutto la sua missione più autentica: raccontare i vizi della città di Griza e compararli con il nostro quotidiano…

Se ti capita di leggere queste righe è perché sei stato scelto/a, o ti sei scelto/a, frequentando i miei percorsi virtuali. Insomma, sei un/a buono/a candidato/a per entrare a far parte della community, accedere al romanzo “aumentato” sulla rete, aiutarmi a farlo crescere.

E’ vero, in diversi hanno acquistato l’account a scatola chiusa, mi hanno dato credito, mentre è del tutto normale che altri che non mi conoscono, o non sanno di cosa si stia parlando, possano mostrare una certa ritrosia, anche se la cosa li solletica un po'.

Per questo ti faccio una proposta: anch'io voglio darti credito...

Se desideri condividere quest’opera digitale, basta rispondere/inviare una mail all’indirizzo animagrigia@publikaweb.com, con un semplice oggetto: “Perché no?”.

Lo staff ti invierà la login e l’account di accesso che verranno attivati immediatamente e resteranno validi fino alla penultima puntata. Per conoscere il gran finale dovrete ottemperare però ad almeno una di queste attività, in alternativa o tutte insieme:

1)  Acquistare l’Account
2)  Invitare lo staff presso il vostro gruppo/associazione/comunità a raccontarvi della nostra officina narrativa
3)  Fornire un contributo creativo e originale, accettato dall’autore, alla galleria delle “assonanze” (musica, fotografie, filmati) relative alle puntate già pubblicate.

Nella nostra città raramente accade qualcosa di veramente nuovo, ma se succede e desidera coinvolgerti, perché non aprirgli la porta?

Insomma: "Perché no?"


Nessun commento:

Posta un commento